SERVIZILINKS  
HOMECHI SIAMOSERVIZICONTATTINEWS
 
 
 
 
NEWS
 
09/07/2013
 
E78. Si sblocca la "grande incompiuta"
 
Da Grosseto a Bettolle si possono percorrere lunghi tratti della E78. Ma anche nelle Marche, da Fossombrone in giù, la strada di grande comunicazione fa il suo dovere, accompagna tir e turisti fino all'Adriatico e li smista tra Fano e la A14. 
 
La strada di grande comunicazione E78 Fano-Grosseto collega la statale Aurelia e l'autostrada A 14 attraversando Toscana, Umbria e Marche. Sarà lunga 284 chilometri (55% in Toscana, 36% nelle Marche e 9% in Umbria) e avrà quattro corsie, due per senso di marcia. Inserita nella rete trans europea Ten-T, oggi la superstrada a pedaggio è realizzata solo per alcuni tratti. Per completarla è stato scelto un partenariato pubblico-privato che, attraverso la formula del contratto di disponibilità permette allo Stato di riscattare in 37 anni (più gli 8 della realizzazione) l'investimento sostenuto dal contraente privato per la costruzione. Ad oggi, del tracciato originario della E78, 127 chilometri sono in esercizio; un maxilotto da 12 chilometri è stato consegnato, su 52 chilometri è terminata la progettazione che invece prosegue per i restanti 79. Nel 2010 il progetto è stato ottimizzato da una commissione tecnica istituita dal Mit e il costo del completamento è sceso da 4,1 a 2,9 miliardi di euro.
 
Nei documenti europei, la superstrada che dovrebbe tagliare l'Appennino umbro-marchigiano è definita un land bridge, un ponte di terra tra la Spagna e i Balcani, poggiato su quattro pilastri, i porti di Civitavecchia e Livorno sul Tirreno, Ancona e Ravenna sull'Adriatico; non a caso è stata inserita nella rete Transeuropea Ten-T e potrà accedere ai finanziamenti europei. Come del resto, fin da ora, può godere dei benefici fiscali accordati alle grandi opere dai governi Monti e Letta. 
 
Non si capisce perché, allora, su queste montagne dell'Italia di mezzo tutti si ostinino a chiamarla "l'incompiuta". Forse perché per realizzare la "strada dei due mari" non sono bastati cinquant'anni e, stando al tracciato in esercizio, non si è arrivati neanche a metà dell'opera.
 
Oggi della E78 esistono solo degli spezzoni scollegati tra loro, ma a farne una delle grandi incompiute d'Italia è soprattutto la galleria della Guinza, sei chilometri nel ventre della montagna per passare dalle Marche all'Umbria evitando i tornanti di Bocca Trabaria. Per secoli, i marchigiani li hanno scalati ogni estate, per far scendere a San Giustino i tronchi d'abete utilizzati nelle costruzioni, da trasportare a Roma via Tevere. 
 
L'impatto economico della E78 non è solo locale - oltre a dimezzare i tempi per raggiungere Firenze e Roma, di fatto “riunirebbe” l'Italia centrale, da sempre divisa in due dall'Appennino - ma Marco Montagna (Confindustria Pesaro) non nasconde che «poter spedire la produzione da Livorno senza dover risalire Bocca Trabaria e gli altri passi significa guadagnare punti di competitività». 
 
Il sindaco di Mercatello sul Metauro, Giovanni Pistola, ricorda che «l'opera è rimasta bloccata perché la politica, soprattutto umbra, ha privilegiato altri progetti, come le strade del Quadrilatero (la rete in costruzione tra Foligno, Civitanova Marche, Perugia e Ancona, ndr). Adesso però non si indugi. I Comuni sono pronti a fare la loro parte, purchè vengano ascoltati».
 
A far ripartire il progetto, rendendolo remunerativo peri privati, concorre sia la defiscalizzazione degli investimenti (e della gestione) riconosciuta dalla legge di Stabilità e ampliata dal decreto del Fare per le opere infrastrutturali, sia la revisione del tracciato, che ha ridotto i costi ma ha rimesso in discussione scelte già recepite dai piani regolatori. La questione è più spinosa del pedaggio che è stato previsto: i sindaci, ammette Pistola, potrebbero mandarlo giù, purchè si riuscissero a risparmiare danni al territorio. «La valle della Guinza è già stata devastata e ora cancellano una galleria e fanno passare l'arteria in mezzo alle case: se non ci si muove con maggiore accortezza - spiega il sindaco di Mercatello, città natale di Santa Veronica Giuliani - ci sarà un'esplosione di comitati del No». La raccolta delle firme è già partita.
 
Non possiamo fermarci». L'ha detto anche il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, incontrando a Pesaro gli amministratori. «Il decreto del Fare obbliga un'accelerazione su tutte le opere da completare, le polemiche fanno perdere le opportunità». Lupi ha preso un impegno sulla E78. «Portatemi l'accordo tra gli enti locali entro la prima settimana di settembre e lo sottopongo al Cipe per attivare le procedure previste dalla legge per la defiscalizzazione».
 
Anche la Regione Toscana freme. «L'eterna incompiuta è strategica - conferma Vincenzo Ceccarelli, Assessore alle infrastrutture - come la Tirrenica. Andrà valutata la fattibilità economica, ma la strada dei Due mari creerà una rete con le direttrici Nord-Sud e quando sarà realizzata ci chiederemo perché non la si è fatta prima». A ricordare quanto abbia ragione c'è la galleria della Guinza: qualche tempo fa, i valligiani, stufi di vederla inutilizzata, l'avevano trasformata in una segheria abusiva.
 
 
     
     
 
AEROPORTO
FERROVIA
INTERPORTO
PORTO
VIABILITA'
ALTRI NODI LOGISTICI
ENTI DI GESTIONE
DOCUMENTI
PROVINCIA
 cerca nel sito
 
ARCHIVIO NEWS 2017
   
ARCHIVIO NEWS 2016
   
ARCHIVIO NEWS 2015
   
ARCHIVIO NEWS 2014
   
ARCHIVIO NEWS 2013
 
 
ARCHIVIO NEWS 2012
   
ARCHIVIO NEWS 2011
   
ARCHIVIO NEWS 2010
   
ARCHIVIO NEWS 2009
   
ARCHIVIO NEWS 2008